Torna a Eventi FPA

FORUM PA 2019 (14-16 maggio)

Torna alla home

  da 14:30 a 18:00

Dati pubblici come motore dell'economia digitale [ co.07 ]

Iscriviti a questo evento

I dati degli enti pubblici costituiscono uno dei principali patrimoni digitali non solo della PA, ma dell’intero Paese. Per sfruttarne appieno le potenzialità, il Piano triennale ha individuato una serie di azioni finalizzate a superare la “logica a silos” in favore di una visione sistemica, volta a facilitare l’apertura e il riuso dei dati pubblici, assicurare l’interazione e lo scambio di informazioni tra le PA, garantire la piena collaborazione tra amministrazioni pubbliche e soggetti privati.

Il convegno rappresenterà un momento di approfondimento sull’avanzamento delle grandi componenti del Piano triennale relative alla valorizzazione del patrimonio informativo pubblico: basi dati di interesse nazionale, open data e vocabolari controllati, Data Analytics Framework (ora PDND) e nuovo modello di interoperabilità. L’evento sarà inoltre un utile occasione per il confronto tra il percorso avviato dall’Italia e alcune esperienze straniere particolarmente virtuose. Il tutto nel quadro delle recenti novità a livello europeo in tema di dati pubblici (revisione della direttiva PSI - Public Sector Information, linee guida sul private sector data sharing).

Programma dei lavori

Introduce e Modera

Dominici
Gianni Dominici Direttore Generale - FPA Biografia

Laureato in Sociologia, nel 1985 è socio fondatore dello Studio Gris, nato su iniziativa di un gruppo di professionisti impegnati a valutare le implicazioni di natura sociale ed economica delle attività di governo, di progettazione e di valutazione degli interventi nelle aree urbane e rurali. Nel 1991 riceve l’incarico, da parte della Fondazione CENSIS, di coordinare le attività dell’Associazione RUR nata su iniziativa della Fondazione con la finalità di elaborare e sostenere proposte innovative per le trasformazioni delle città e del territorio. Dal 1993 ha introdotto all’interno dell’associazione un nuovo campo sistematico di analisi ed intervento relativo allo sviluppo delle tecnologie telematiche nello sviluppo territoriale. Tra il 1997 e il 1998 ha lavorato alla Commissione Europea (DGXXIV) come esperto nel campo delle implicazioni sociali dello sviluppo delle Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione. Dal primo gennaio 1999 a settembre 2007 è responsabile del settore Processi Innovativi della Fondazione Censis. In questo ruolo ha diretto numerose ricerche nel campo nella Società dell’Informazione e gestito progetti di telematica applicata. Dal primo gennaio 2001 al maggio 2006 ha assunto anche l’incarico di amministratore delegato di Atenea, una società di formazione in rete sui temi dell’innovazione e della tecnologia. Nel settembre 2007 è diventato vicedirettore generale di FORUM PA. Da gennaio 2010 ne è Direttore Generale.

Chiudi

Prospettive di data-driven. Il punto di vista della Commissione Europea

Barcellan
Roberto Barcellan Head of Data Services Unit, DG for Informatics (DIGIT) - European Commission

Valorizzazione del patrimonio informativo pubblico. Strategie, esperienze, monitoraggio

AgID
Intervento a cura di AgID *
Cocchiarella
Angela Cocchiarella Direzione Università, Ricerca e Innovazione - Regione Campania Biografia

 Ha un’esperienza quasi ventennale nell’ambito della comunicazione digitale con un percorso professionale iniziato nel settore privato dove ha seguito progetti di marketing e digital communication per aziende come Indesit Company, Ferrero, Coca-Cola, Algida, Fininvest, BNL, ACI. Laureata in Scienze della Comunicazione (1997), ha un background umanistico ed una formazione multidisciplinare orientata alla contaminazione fra saperi che l'ha portata ad approfondire tematiche di frontiera nel campo della digital innovation anche attraverso il network della Business School del Politecnico di Milano che ha frequentato. Attualmente, all'interno di Regione Campania, segue le azioni strategiche in ambito digitale per l’attuazione dell’Agenda Digitale e coordina il Progetto Open Data Campania.

Chiudi

Marchese
Gabriele Marchese Responsabile open data e Responsabile Transizione al Digitale - Comune di Palermo Biografia

Laureato in Giurisprudenza.

Dirigente del Comune di Palermo.
Da circa 20 anni impegnato nella digitalizzazione dei processi degli uffici comunali di Palermo in cui viene assegnato dal Sindaco.
Responsabile Transizione al digitale (art. 17 CAD) dal 2017.
Responsabile della conservazione documentale dal 2017.
Responsabile open data comunale dal 2015.

 

Chiudi

Spataro
Ciro Spataro Area Servizi alla città Servizio Innovazione, U.O. Transizione al Digitale - Comune di Palermo Biografia

Dipendente del comune di Palermo, Ufficio Innovazione, impegnato nella transizione al digitale dei processi amministrativi comunali e nella pubblicazione di open data. Civic hacker appassionato di cittadinanza digitale, mappe interattive e cultura dei servizi digitali, membro di opendatasicilia

Chiudi

Merler
Walter Merler Responsabile Area Innovazione e Ufficio Stampa - Consorzio Comuni Trentini - ANCI TRENTINO
De Chiara
Francesca De Chiara Digital Commons Lab - Fondazione Bruno Kessler Biografia

Sociologa e ricercatrice nell'ambito dei development studies e dell'open knowledge; ha conseguito un dottorato in Sociologia e Ricerca Sociale presso l'Università di Salerno, durante il quale è stata borsista di ricerca presso la Cornell University (Ithaca, NY) e visiting doctoral student presso la Warwick Business School (UK). A Warwick ha lavorato nel Public Policy Group sotto la supervisione del prof. Colin Crouch.

Attiva nel network internazionale di Open Knowledge Foundation, scrive di open data e open government; attualmente si occupa di community building all'interno del progetto Open Data in Trentino, e collabora con la community open hardware di Arduino.

Ha pubblicato articoli su riviste internazionali, tra le quali "Information Technology for development". Recentemente ha contribuito alla stesura dell'Open Data Barometer di prossima pubblicazione e partecipato a diverse conferenze in qualità di speaker.

Chiudi

Big data & analytics

L'avanzamento del progetto PDND - Piattaforma Digitale Nazionale Dati

Carlini
Andrea Carlini Chief Data Product Manager, Team per la Trasformazione Digitale - Presidenza del Consiglio dei Ministri Biografia

All’età di 6 anni immaginavo già un mondo in cui la tecnologia sarebbe stata parte integrante della nostra vita. Non appena in tenera età ho avuto la possibilità di mettere le mani su un computer (un Olivetti M24), ho capito che la strada da seguire era veramente molto lunga, ma che volevo far parte di quel processo evolutivo perché ne ero innamorato. Da allora ho iniziato a sognare ad occhi aperti.

Dopo appena un anno di università di Fisica, dove ho avuto il mio primo incontro con un sistema VAX/VMS ed il Fortran, ho dovuto per esigenze economiche entrare nel mondo del lavoro come tecnico di laboratorio nella più grande industria chimica del paese: non era quello che speravo, ma continuavo a sognare ad occhi aperti. Un bel giorno, in un angolo della sala mensa, ho visto un enorme scatolone chiuso: era un VAX. In quel momento mi sono reso conto di essere la persona giusta al posto giusto. Nel mondo industriale stava iniziando il boom dell’informatica e delle tecnologie per l’automazione e io fui direttamente catapultato in quella applicata ai laboratori di analisi, ricerca e qualità. In Himont, Montell, Basell ed infine LyondellBasell (un’unica società che ha subito diverse fusioni e acquisizioni) mi sono occupato in prima persona di sviluppo, implementazione e infine manutenzione e supporto dei sistemi coinvolti, reti ed infrastrutture incluse. Un team piccolo ma formidabile insieme a dei key users esigenti ma sempre partecipi hanno reso possibile tutto ciò anche in tempi di crisi.

Nei miei 30 anni di carriera ho avuto la possibilità di contribuire all’evoluzione di diverse tipologie di sistemi (LIMS,QMS,CDS,PLMs), mano a mano che le tecnologie me lo consentivano; inizialmente in maniera sperimentale e poi sempre più in maniera pragmatica e nel rispetto delle regolamentazioni sulla gestione e sicurezza dei dati ( GALP, GAMP, FDA 21 CFR 11, ISO 17025 per citarne alcune). Questi standard oggi sono adottati da tutte le principali industrie chimiche e farmaceutiche. Nonostante la passione per il mio lavoro abbia monopolizzato la mia vita da sempre, ho avuto la fortuna di diventare padre prima di tre meravigliose creature (Francesca, Valentina, Ludovica) e poi, dopo molti anni, di un piccolo “clone” (Leonardo) che mi ricorda sempre chi ero e chi sono, quali sono i miei pregi e i miei difetti. In tutto questo regna sovrana la mia straordinaria moglie Monia, che tiene in custodia il mio cuore quando la mia mente inizia a perdersi tra tecnologia ed informatica e me lo restituisce al ritorno di ogni viaggio pindarico.

Seguivo da lontano il lavoro del Team Digitale con molto scetticismo, principalmente perché ritenevo l’obbiettivo di implementare una piattaforma digitale nazionale dei dati della pubblica amministrazione una missione suicida. Un giorno, mentre mi aggiornavo sulla situazione, ho visto che il Team era alla ricerca di alcune posizioni lasciate vacanti e sono entrato nel dettaglio. Dopo poco la mia mente è partita per uno dei suoi viaggi e quando è tornata mi sono ritrovato fisicamente “dentro” al team.

Chiudi

Esperienze e soluzioni

Fedeli
Massimo Fedeli Direttore centrale per le tecnologie dell'informazione e della comunicazione - ISTAT
Nobile
Mario Nobile Direttore Generale per i Sistemi Informativi e Statistici - Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Biografia

Direttore Generale per i Sistemi Informativi e Statistici del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Mario Nobile è laureato in Ingegneria Civile e ha un Dottorato di ricerca in Ingegneria dei Trasporti. La sua carriera nel settore della pubblica amministrazione lo ha portato a ricoprire diversi ruoli dirigenziali nell’ambito progettazione e pianificazione territoriale e dei servizi informatici, inclusi programmi di sviluppo della banda larga nel territorio.  Nel 2010 è entrato a far parte del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, dove si è occupato inizialmente di programmi di riqualificazione urbana e politiche abitative, per poi passare alla gestione e manutenzione dei beni immobili delle sedi centrali, delle tecnologie (anche informatiche) di supporto e della razionalizzazione logistica. Parallelamente agli incarichi nella pubblica amministrazione, ha avuto anche ruoli accademici: dal 2001 al 2011 è stato Docente a contratto presso la Facoltà di Architettura dell’Alma Mater - Università degli Studi di Bologna ed ha all’attivo numerose pubblicazioni. Dal 2015, nel corrente incarico, ha coordinato il lancio del nuovo portale web del Ministero ed il portale Opencantieri, best practice internazionale sull’apertura dei dati relativi alle opere pubbliche di interesse nazionale.

Chiudi

Sammarco
Andrea Sammarco Vice Segretario Generale - Unioncamere Biografia

Laureato in Economia e Commercio a La Sapienza di Roma e Master SDA Bocconi School of Management a Milano. E’ Vice Segretario Generale di Unioncamere Nazionale, responsabile dell’Area Agenda Digitale, Registro Imprese e Legalità.

E’ stato Direttore dell’Istituto Nazionale per la distribuzione (INDIS) e responsabile dell’Area Organizzazione e Personale di Unioncamere. Dal 2007 al 2010 è stato Segretario Generale della Camera di commercio di Perugia, Direttore del Centro di Formazione Imprenditoriale e Direttore di Promocamera, azienda speciale per la promozione economica del territorio.

Chiudi

vodafone
Intervento a cura di vodafone

Modelli di interoperabilità: esperienze europee a confronto

Piunno
Simone Piunno Chief Technology Officer - Tecnologia e Architettura Team per la Trasformazione Digitale - Presidenza del Consiglio dei Ministri Biografia

Fin da piccolo ho sempre avuto la passione per l’Informatica e il mio primo programma l’ho scritto su un Commodore VIC20 quando ero ancora alle medie. A fine anni 80, prima che arrivasse Internet, avevo già conosciuto la potenza della rete con le BBS Fidonet, che usavo per scambiare messaggi elettronici con amici in tutta Italia, facendo arrabbiare i miei genitori con i fischi del modem a 1200 bps e soprattutto per le salate bollette della SIP.

Insieme ad alcuni amici di Ferrara nel 1996 ho fondato un Linux User Group e sono stato attivo per anni nella scena open source nazionale, organizzando eventi divulgativi e contribuendo alla sviluppo della comunità del software libero.

Ho cominciato la carriera professionale come sviluppatore software, prima con una breve esperienza in un Internet Service Provider ferrarese e poi, dopo una laurea in Ingegneria Elettronica con tesi sul Mobile Internet, nel 2000 a Bologna in Wireless Solutions, una piccola startup poi confluita in Dada. A quei tempi la parola startup non era ancora di moda.

In pochi anni ho progettato e guidato lo sviluppo di piattaforme web e mobile (tra cui un gateway SMS, uno store di contenuti multimediali, una piattaforma di pagamento via credito telefonico) e integrato tutto questo con i sistemi di una cinquantina di operatori telefonici mondiali, passando progressivamente a ruoli più manageriali fino a diventare CTO per l’unità Mobile di Dada.

Nel 2010 sono entrato in Buongiorno (oggi Docomo Digital) come direttore della tecnologia per l’unità B2C dove ho guidato un team internazionale di ingegneri dislocati in Italia, Spagna e Francia e, tra le altre cose, diretto lo sviluppo di una piattaforma di online advertising e di un sistema di analytics. In questo ruolo ho introdotto processi agili che hanno drasticamente ridotto i tempi di rilascio dei nuovi prodotti e aumentato l’efficienza del team.

Sono molto curioso e costantemente impegnato a investigare trend tecnologici innovativi, in questo momento soprattutto sul fronte di Big Data e del Machine Learning, area in cui in Toscana con alcuni amici ho recentemente creato una comunità di appassionati, organizzato un evento pubblico, collaborato col Master dell’Università di Firenze.

Quando non lavoro, a casa insieme a mia moglie Francesca, coccoliamo nostra figlia Isabella che ha appena sei mesi e quando il tempo me lo permette mi emoziono cantando in un coro gospel.

Faccio parte di quelli che non se ne sono mai andati perché ho avuto la fortuna di trovare in Italia ambienti stimolanti, internazionali, con progetti d’avanguardia e soprattutto brillanti compagni di viaggio che regolarmente sono diventati cari amici. È stato proprio uno di questi a presentarmi a Diego. Da anni speravo che il tema di una strategia digitale si imponesse finalmente nell’agenda nazionale e quando Diego mi ha proposto di entrare nella squadra ho accettato entusiasta questa sfida.

Chiudi

Kivimäki
Petteri Kivimäki CTO - Nordic Institute for Interoperability Solutions Biografia

Petteri Kivimäki is the CTO of the Nordic Institute for Interoperability Solutions (NIIS). The NIIS is an association founded jointly by Finland and Estonia which mission is to develop e-governance solutions, kicking off with the X-Road technology. Before joining the NIIS, Petteri worked as a technology architect in a leading global professional services company. During years 2014–2017 Petteri worked at the Population Register Centre of Finland as an information systems manager. He was the technical lead of X-Road implementation project in Finland and was coordinating the joint open source development of the X-Road solution between Finland and Estonia.

Chiudi

Sovani
Oscar Alessandro Sovani Dirigente Struttura Attuazione delle agende regionali di semplificazione e digitalizzazione - Regione Lombardia Biografia

Responsabile della Struttura Semplificazione e Digitalizzazione della Presidenza della Regione Lombardia. Componente della Tavolo nazionale per la semplificazione. Membro della Commissione permanente Sistemi Informativi del CISIS. Rappresentante delle regioni più sviluppate nel Comitato di pilotaggio degli obiettivi tematici 2 e 11 dell’ADP per la programmazione comunitaria 2014-2020; Referente regionale per la Funzione Pubblica in tema di conferenza di servizi; componente della segreteria tecnica della commissione speciale agenda digitale presso la Conferenza dei Presidenti delle Regioni; responsabile del portale regionale sull’open data.

Esperto in analisi, reingegnerizzazione e semplificazione di processi/procedure amministrative, analisi costi/benefici, definizione indicatori di performance e di risultato. Maturate competenze specialistiche in tema di open government, open data e strumenti di social networking.

Chiudi

Vaccari
Lorenzino Vaccari Senior Researcher, Joint Research Centre (JRC) - Commissione Europea Biografia

Lorenzino Vaccari, ricercatore nel campo della interoperabilità di sistemi digitali, dati aperti e infrastrutture di dati spaziali, ha conseguito il suo dottorato di ricerca presso l'Università di Trento, con una tesi sulla interoperabilità semantica tra servizi web.

L'attività scientifica di Lorenzino, ricercatore al Joint Research Centre (JRC) della Commissione Europea, è focalizzata sulla valutazione di impatto dell’adozione delle moderne tecnologie da parte dei governi nell’area dell’Unione Europea. Attualmente guida un gruppo di ricerca per capire come e perché i governi dovrebbero adottare le moderne architetture basate su servizi web tra le quali, le Application Programming Interfaces (APIs).

In precedenza, Lorenzino ha lavorato al progetto Open Data della Provincia Autonoma di Trento e, per il suo post-dottorando, al JRC, contribuendo allo sviluppo del Sistema Globale di Osservazione della Terra (GEOSS). Lorenzino possiede una lunga esperienza, maturata presso la Provincia Autonoma di Trento, sul design e sulla implementazione di sistemi informativi geografici a supporto delle politiche territoriali della pubblica amministrazione locale. Ha lavorato inoltre nella progettazione di sistemi digitali distribuiti per il settore privato.

Lorenzino è autore di numerose pubblicazioni scientifiche e i suoi interessi comprendono la ricerca sull’impatto dell’adozione delle moderne tecnologie (tra le quali: API, blockchain e reti di sensori) e paradigmi (tra i quali: dati aperti, citta’ intelligenti, infrastrutture di dati spaziali e intelligenza artificiale) sui governi e, più in generale, sulla società che ci circonda.

Chiudi

* In attesa di conferma

Torna alla home